Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK
HR Digital Transformation

Brand ambassador: cinque poteri superdigitali

28 settembre 2017

Il mercato del lavoro è destinato a cambiare fortemente, in direzione di una sempre maggiore individualità dei talenti. Ciascuno di noi avrà un valore che sarà funzione della propria capacità di essere credibile, di comunicare e di influenzare gli altri. Cinque sono quindi gli skills che possiamo individuare pensando a questa nuova dimensione di brand ambassador, che rendono appetibile un individuo per l’azienda di oggi e che insieme costituiscono il suo bagaglio di employability esterno.

Nello specifico i cinque “super poteri digitali” sono: knowledge networking, virtual communication, digital awareness, creativity, self empowerment.

Knowledge networking significa mettere a disposizione la propria conoscenza e svilupparla nel tempo all’interno di comunità di esperti. In un'epoca di knowledge working la conoscenza si sviluppa sempre più ai confini dell’organizzazione e se c’è un’intelligenza collettiva amplificata, l’azienda diventa veloce, permeabile alle idee. Virtual communication è la capacità di esprimere proprie le idee e la propria leadership con efficacia in un mondo virtuale e non fisico, la capacità di lavorare attraverso team dispersi: ad esempio come si fa team building nello smart working? La digital awareness è la saggezza digitale, il comprendere gli impatti positivi e negativi che possono derivare dalla propria azione nel digitale. L’attenzione alla confidenzialità dell’informazione, il sapere dove e come esse possono venire condivise. È un buonsenso che tendiamo a perdere di fronte al digitale e le nuove generazioni su questi sono molto fragili. Con creativity si intende che nello sviluppo dei contenuti e nell’uso di nuovi canali occorre saper fare diversamente le cose che l’azienda fa già. I nuovi strumenti sono disponibili per tutti, la differenza la fanno la velocità e la capacità di comunicazione e coinvolgimento, bisogna usare il digitale per fare diversamente. Infine il self empowerment è non aver paura del cambiamento, lo sviluppare un atteggiamento positivo verso il nuovo.

Mariano Corso